GambadelegnMonument, ges e contrad

Come ci ha tramandato Corrado Colombo nel suo volume del 1927


Colònn de S. Lorenz

Gh’hann la bellezza de desdòtt secol perché hinn staa faa su ai temp de Massimiliano Erculeo o lì adree. Quij colonn lì, scappaa foeura di ong de Attila, de Uraia, del Barbarossa, del Gonzaga e per ultim da Don Ferrante, che per fa nètt Milan e desfescià quèll, che segond lù…crèsseva, l’era lì lì per mèttegh denter el martèll, no hinn che ona part d’on gran edifizi pubblich che sèrviva per i bagn e l’acqua ghe le forniva ona ronsgia che passava da la via S. Michee, battèzzaa poeu a la Chiusa e che’l finiva in la Vitabile che col temp hann struppiaa in Vecchiabbia prima e in Vettabia dopo.

Stretta Bagnera

Stretta che gh’è ancamò adèss (via Bagnera)…ma senz’acqua.Chì gh’era on alter bagn pubblich, perché allora ghe n’era pussee d’incoeu

I Pòrt

(perché se ciamaven inscì)
Porta Romana…, perché lì cominciava la strada per Roma
Porta Ticinese…, che num struppiom in Cines, per el motiv che se passava per andà vèrs el Tesin
Porta Comasina…, incoeu Garibaldi, essend el prencipi de la strada per Còmm
Porta Vercellina…,incoeu Magenta, perché ona vòlta foeura se andava a Magenta, a Vercelli e sentendes minga stracch fina a Turin
Porta Noeuva…,(la vecchia, quella che si affaccia sulla via Manzoni), se parla de ona famiglia Novellia, stand a certi iscrizion e certi bust che gh’è su l’arco stess
Porta Tosa…,l’è ‘na ròbba on poo longa. Adèss Porta Vittoria. Minga tosa ch’el vorrarien on derivativ de tonsa o entonsa, cont ona certa affinitaa con tose e tosanne che l’è el nomm che nun milanes ghe demm ai signorinn.
- Ma i tosann se faseven tosà per trovà una certa affinitaa con tonsa? –
- Ve diroo: i tosann, al temp dei Longobardi, ghe tegneven, e come, avegh ona folta capigliatura, ma questa se la faseven tajà quand toveven marì e per quest hinn staa ciamaa tosann. Guardè però che mi la roba ve la doo minga, come se dis, per forment secch.

I Borgh

Eren i quartier pussee centrai e de scior che cunta incoeu a Milan:
Borgh Noeuv, Borgh Spèss, Borgh de S.Spirit, Borgh del Gesù, Borgh de la Brera del Guercio (che l’era el nòmm d’on scior ch’el gh’aveva lì i so beni), Borgh de Monfort, de Porta Oriental, de S. Vittor Grand, de S.Vincenz in Prato.
El Borgh pussee grand l’era el Brolo che i Arcivescov gh’aveven tra S. Vittorell, S. Nazzar e Porta Tosa.
Gh’era denter anca la via Pantan, battezzada con sto nòmm perché in quella Contrada la palta la mancava mai.

Contrad

(I nòmm hann cominciaa a daghi in del 1700)
Ceravall..la regorda S. Bernard di Chiaravalle quand l’è vegnu a Milan a vedè de indù el popol andà a combatt in Asia. El fatto l’è che S. Bernard el gh’aveva ona vos tant ispirada ch’el convinceva tucc e tucc l’entusiasmava. Vist poeu come el se adoperava a lo scopo de riconcilià la cittaa con la Santa Sede, el s’è guadagnaa tanta stima che i pret voreven nominall Vèscov e la popolazion l’ha vorsuu ch'el so nòmm el restass a la contrada in dove lù l’era staa de cà del 1091 al 1153.
I Contrad che incoeu se ciamen Via Stampa, via Brolett, S.Radegonda, Bocchètt e S.Margherita se ciamaven: via Elevata, via Solata, S.Maria di Vigelinda, S. Salvatore di Dateo e S.Maria di Gisone. E quella sparida de S.Maria dei Servi l’era S.Maria del Sacco.
La piazzetta de S.Peder e Lin l’era ona volta quella dei Cagalenti. L’è on brutt nòmm, ma podom minga cambiall. L’è quell d’ona famiglia rispettabil e anca potente. Ma gh’era minga domà i Cagalenti, gh’era anca i Cagatossico, i Cagainarca e anca i Caga-in-basilica. Per fortuna di milanes, con l’andà del temp sti nòmm hinn staa tajaa in mezz e i Cagamiglio e i Cagapisto hinn diventaa Miglio e Pisto.

Via di Ratt

(incoeu via Cesare Cantù)
L’hann battezzada inscì perché in ‘sta via gh’era on negoziant usurari che per fà danee on dì el compra ona gran quantità di armandol a Genova e el ciappa di sensai per tentà de vendii ma nissun je voeur. Inscì el fa impignà i sacch in magazzin. E finalment on dì el riess a fà on contratt propi sballaa, per podè liberass de lôr. Ma appena hann faa per moeuvi…foeura ratt de per tutt i canton che pareven gatt…eren adrittura on esercit. Vist che poeu i ratt invadeven tutta la contrada l’han battezzada via di Ratt.

via Manzon

(ciamada ona vòlta Corsia del Giardin)

Lì gh’era el pussee bell giardin de Milan; l’è stada la prima strada che hann selciaa e lastricaa. Dopo de lee è vegnuu adree i alter, tanto l’era el bisògn de sistemà i strad che faseven pietaa e de seguità a sistemai eren obbligaa i Podestà con solenne giurament (a sapere come si fa, questo lo dico io, questa formula andrebbe bene anche oggi)

Via Casa Rotte

la me regorda la caduda dei Torriani: s’hinn venduu tucc i so cà saccheggiaa e diroccaa, tanto che per on poo de temp se ciamaven i Guasti Torriani.

Piazza del Dòmm

(anticament Forum Assemblatorium)
Poeu Piazza dell’Arrengo perché l’era propi là dove el popol el se radunava per fa foeura i so reson. Allora gh’era minga nanmò el Dòmm, nòmm che deriva da l’Arcivescovaa lì vesin e che in latin se ciama Domus, ma al so post gh’era la Metropolitana cont on campanin celebre e altissim… ch’el finiva pù e che l’è andaa a la malora appena dopo la distruzion del Barbarossa. Allora la piazza del Dòmm l’era ciamada dei Polli perché gh’eren i banch de polleria che hinn staa disfesciaa da Azzone Visconti.

Via del Bottonu

L’è stada ciamada inscì per i quatter botton de la Cros de S. Cliceri, come el vicol lì taccaa l’hann battezzaa di Quai per on òst che i quai ghi aveva foeura cone insègna.

Contrad che porten i nòmm di familli milanes

Moron, Bij, Del Maino, S. Vincenzin (adèss Manfredo Camperio), Corj, (adèss S. Agnese), Piatt, Durin, Cusan, Amedei, Sala, Porron, Clerici, Bossi, Borromei, Belgioios, Gorani, Capra, Pusterla, Orso ecc. Sfortunadaa l’è stada la famiglia Olocati che la gh’ha daa el nòmm senza vorell a la via che fin d’allora la ciamaven la contrada di lifròcch, ma che nun cognossom per quaicòss de pesg. E sfortunaa anca i familli Lesmi e Merati. La prima perché la via Lesmi la regordava certi corruzion però incoeu l’è diventada ona bella via, ma la Soncino Merati l’è propi el caso de dì…che l’aveva perduu el pel ma minga el vizi perché fin’a pocch temp fa la conservava certi cà…dove se tollerava tutt. Anca allora quella contrada l’era ciamada de la Sossa innamorada. Adess però hann faa tavola polida e l’è diventada on fior d’ona contrada.

Via Andegari

La famiglia Andegari, che la ghe dà el nòmm a la via parallela a via Manzon, la doveva vèghela a mort cont i figuritt de la mòda, perché la se vestiva ancamò come Noè, tanto che i milanes gh’hann miss el nòmm de Andeghee e ch’el se ghe dis ancamò incoeu a quei che se vestiss come al temp de Carlo Codega e che gh’hann idei antigh e abitudin pedantesch.

Via di Or

Inscì ciamada per l’orelògg faa mett su’l campanin de S.Gottard da Azzone Visconti e siccome l’era el primm che se vedeva in cittaa e ch’el batteva i or inscì l’è staa per i milanes on gran avveniment. A proposit de S. Gottard: questa l’era la Cappella de Cort fada fa su da Azzone Visconti in del 1336 al pòst de quella de S.Giovann alle Fonti, fada trà giò da Azzone per spazià e abbellì el palazz. Pararia che la Cappella la fuss stada dedicada a la Beata Vergine Maria, ma gh’è de quei che assicuren che l’è stada da Azzone stess dedicada a S. Gottard, protettor de quei che gh’aveva la podagra (gotta), in del numer dei quai l’era anca lù compres. El campanin l’è, come architettura, on ver giojell e l’è on peccaa a cognoss minga l’architett. Donca sto S. Gottard chi, che l'è dove hann assassinaa Giovann Maria Viscont, el gh’ha nagòtt a vedè cont el S. Gottard che se troeuva foeura de Porta Cines e propi in del borgh ch’el porta el nòmm del Sant.

Via S. Giovann in Conca

La regorda el supplizi de S. Giovann che l’è staa miss, dai miscredent, in d’ona caldera d’oli bujent.

Via Rugabella

In questa contrada ghe stava el maresciall de Francia Gian Jacopo Trivulzio, milanes puro sangue, detto il Magno.
‘Sta via l’era minga propi bèlla, ma po dass che quand el Trivulz l’ha fada addobbà, come l’aveva faa addobbà Porta Romana in occasion del famos banchett daa de lù a Luis XIII de Francia, quèst, meravigliaa de tanta munificenza, l’abbia ditt in frances: Voilà une belle rue! e ch’el Trivulz per cortigianeria l’abbia subit battezzaa la soa contrada.
Bella ruga. Gh’è però la Duchessa D’Abrantess che, con quella leggerezza che i frances parlen semper di ròbb di alter, la sosten in di Memoires sur Napoleon che in quella contrada lì ghe stava de cà la sciora Ruga, miee d’on avvocatt, che tutta Milan la guardava per la soa gran bellezza, malgrado la gh’avess on para de barbis come on tambor maggior e che la via l’ha ciappaa el so nòmm: Strada Rugabella. Andemm, sciora duchessa…ona bellezza cont i barbis?…In Francia forsi!…

Via Morivione

Tra Porta Cines e S. Cèls, vers la campagna. on pòst dove i milanes andaven a fà S.Giorg. Se mangiava pandemèin e latt e dòpo, quand eren ben sgonfiaa su de latt, ballaven a la pù bèlla.
El nòmm de Morivion par che 'l se deva a ona leggenda.
Al temp de Luchino Visconti, i dintorni de Milan eren tormentaa da ona banda de soldaa de ventura, comandada da on capitani, Vione, che la commètteva ogni sòrta de brigantagg. E minga assee de quèst, la lassava pù vegnì in Milan el latt e la panera per i quai i milanes andaven matt e l'è tanto pòcch vera che 'l Foscolo, sia pur per rid, a Milan el gh'ha fibbiaa el titol de paneropoli.
...I milanes, ch'eren arcistuff de quèlla masnada, hann poduu ottegnì, dal Luchin, el permèss de dagh la caccia.
A la vigilia de S.Giorg, i milanes, ben armaa, se pòrten foeura de Porta Cines, Lodovica e Vigentina, e propi tra la Vettabbia e el Tesinèll i hann coppaa tucc, capitani compres.
........I milanes hann accolt i vincitor cont on grann entusiasmo e.......per festeggià la vittoria hinn andaa foeura in di Cassinn a fà ona spansciada de latt e panera e in del sit dove aveven mazzaa el capp de la banda, hann faa pitturà su'l mur........on S.Giorg che schiscia el dragh e sòtta gh'hann scritt: Qui morì Vione.
Inscì, oltre a savè el perché del nòmm a la contrada, savii anca perché, a S.Giorg, se va foeura a bev el latt.

Contrada dei Profumieri (sparida anca lee)

La merita de vèss regordada. Prima la se ciamava Strettone del Podestà, perché in contrada gh'era i preson del Podestà stèss e siccome i presonee podeven vegnì cont el muson a la fèrrada, lassaven giò, ligaa con la corda, i sò borsitt per cercà la caritaa a quij che passava........inscì l'è stada mattezzada la contrada di Borsinari)

Via Niron de S. Francesch

A porta Magenta, che l'è propi de faccia al Palazz ona vòlta del Duca Litta, l'ha ciappaa quèll nòmm lì per on acquedòtt che, come el Seves, el vegneva di montagn de Vares, ciamaa Nerone o Nilone, e siccome el passava propi in mèzz a la contrada de S. Francesch, dopo stoppaa, a S. Francesch gh'hann taccaa el...Niron e ancamò incoeu ghe disen Niron de S. Francesch, ma i milanes, semper spicc in di sò ròbb, lassen de part... S.Francesch, come nanca el ghe fudèss...e la ciamen semplicement via Niron.

Contrada del Mont Napoleon

Pòcch contrad hann cambiaa el nòmm come quèsta......

(segue…)

I strad de Milan

I strad de Milan gh'hann avuu per la prima vòlta on nomm scritt e scernii cont on quaj criteri, in del 1785, quand el cont Wilzeck , minister plenipotenziari de la Lombardia tognina l'ha pensaa ben che i cà doveven avè di nummer civich e i angol di vii di lampion a oli; fin a quell dì i strad vegneven illuminaa dai viandant che doveven girà cont on lanternin se de nò pagaven ona multa. I Sciori mandaven innanz i "volant" (lacché) cont i tòrc

Via Agnello
Il nome deriva da un piccolo e grossolano bassorilievo raffigurante un agnello, murato sopra la porta della casa al numero 19

Via del Bottonuto
Strane etimologie:
1. deriverebbe da un obelisco rosso in granito eretto all'incrocio con via Pantano (poi trasferito ai Boschetti in via Marina)
2. si riferirebbe alle quattro palle su cui poggiava detto obelisco, chiamate anche "bottoni"
3. deriverebbe dall'antico nome di Bottinugum (un capitano tedesco al seguito del Barbarossa, a nome Botnuk o Boddinuk, sconfitto nel 1158 mentre tentava di forzare la pusterla che sorgeva proprio qui.
4. secondo alcuni deriverebbe invece da un "ponte dell'uccisione" (Pons necis).
Etimologia più attendibile:
Bottonuto dovrebbe invece derivare dall'antico Botinucum (vedi "botina" (ghiozzo, pesciolino d'acqua dolce) oppure dal diminutivo di"botte", che indica, in idraulica, un'opera di muratura sotto l'alveo di un fiume per scolo di terreni più bassi. Per cui Bottonuto, come le vicine vie Laghetto, Pantano, Poslaghetto, indicherebbe la presenza di acque e di opere murarie per circoscriverle e incanalarle.

La contrada, in tempo fascista, ha subìto una "riqualificazione" poiché il Bottonuto era ritenuto luogo sordido, se pur pittoresco, gremito di osterie e case di piacere, brulicante di meretrici e irregolari.

Via Andegari
Potrebbe derivare da andegavium (biancospino) perchè lì si trovava al tempo dei Galli parte di una siepe di biancospini che cingeva Milano.
Ma è più probabile che Andegari derivi da Undegardi, nome di una famiglia, probabilmente tedesca.

Via Arena
Perchè qui sorgeva l'anfiteatro romano (scoperto grazie ad alcuni scavi) dove i martiri cristiani perseguitati perivano dilaniati dalle belve

Via delle Asole
Ex via delle Asine, perchè un Albergo (con stallatico) aveva un'insegna raffigurante alcuni animali

Piazza Belgioioso
Quì abitava l'omonima illustre famiglia.

Via Benadir
Nel 1892 la regione somala Benadir fu affittata (e venduta nel 1905) all'Italia dal sultanato di Zanzibar per 3.600.000 lire.

Via Bergamini
I formaggi e i latticini che qui venivano venduti si chiamavano così perchè i venditori scendevano dalla provincia di Bergamo a svernare con le greggi nella pianura milanese

Via Bettoni
Ricorda Niccolò Bettoni, editore (1770-1842)che per primo in Italia pubblicò edizioni popolari

(segue…)