Campanilismo ...vox populi
(ben lungi dall'essere i nostri detti!)

 

 
Ghe voeur trii scròcch de Meda per fà on martor de Serègn. (tra Meda e Seregno)
Ci vogliono tre furbetti di Meda per fare un sempliciotto di Seregno.
 
El casciavid de Seregn? L'é el martell.
(perché anziché le viti, i seregnesi piantano i chiodi. E' il sistema più veloce e costa meno)
 
A Seregn, quand vun el se leva-sú el n'ha giamò inchiappettaa trii.
(perchè già di primo mattino il seregnese ne ha già infinocchiati tre)
 
 
On kilo a nissun
Noeuv etti a un quaidun
Vott etti a tucc
(Queste sono le regole dell'ambulante seregnese!)
 
Anca a Milan, a Cabiaa etc i moron fann l'uga.
Anche a Milano, a Cabiate etc i gelsi fanno l'uva.
(modo di dire brianzolo per prendere in giro coloro che confrontandosi con un altro paese si davano arie. (Notoriamente i gelsi producono una specie di mora e non l'uva, che al palato è più gradita dei "moroni" del gelso). Del resto a Milano poteva capitare di tutto, anche che gli asini volassero (l'è volaa on asin), oppure che piazza del Duomo fosse lastricata di biglietti da "mille lire" inoltre: poichè a Milano pare abitasse una famiglia meridionale, i Moroni, commercianti di vino, non è escluso che il detto si riferisca anche a questo.
 
A quij de Bust e Gallarà, tocchegh-sù la man e lassi andà.
A quelli di Busto e di Gallarate, stringi la mano e poi lasciali andare.
 
Chi volta el cuu a Milan le volta al pan.
Chi volta le spalle a Milano, le volta al pane.
 
De Milan ghe n'è domà vun.
Di Milano ve n'è sola una.
 
El can forestee cascia el can de pajee.
Il cane forestiero scaccia il cane "da pagliaio" (di casa).
 
Gent de confin, o lader o assassin.
Gente di confine, o ladra o assassina.
 
Guardass del sô e de la brina e de quij foera de Porta Vercellinna.
Evitare il sole e la brina e quelli di fuori Porta Vercellina.
 
I Lodesan hinn largh de bocca e streng de man.
I Lodigiani sono larghi di bocca e stretti di mano.
 
I mercant de Melz dann o la metà o el terz.
I mercanti di Melzo danno o la metà o il terzo.
 
I Monsciasch prima de colazion en bozzaren almanch trii.
I Monzesi prima di colazione ne imbrogliano almeno tre.
 
La cusinna a Milan, la cort a Romma.
La cucina a Milano, la corte a Roma (a Milano si lavora, a Roma si gode).
 
Milan el pò fà e'l pò dì, ma el pò minga l'acqua in vin covertì.
Milano può fare e dire, ma non può l'acqua in vino convertire.
 
Quij de Lòd venden la ròbba e poeu la voeuren gôd.
Quelli di Lodi vendono la roba e poi vogliono goderla.
 
Tett, torron, Torrazz, hinn i tre raritaa de Cremònna.
Tette, torrone e Torrazzo sono le tre specialità di Cremona.
 
 
 
 
 
ada    Angeli-guida   autori   canzoni   chi sono curiosità   dialetto    eventi     HOME   gastronomia    infoXdialetto    la pagina di Elisa   La pagina di Alessandro    le mie fonti   linkconsigliati  Milano com'era   modi di dire   musica   pagine mie    personaggi tipici poesia   prosa   proverbi  provincia   stori de animai   storia   un fotografo amico